Che spettacolo lo ZTE Axon 10 Pro: il top di gamma a sorpresa del 2019!

Sponsor

ZTE Axon 10 Pro é lo smartphone piú equilibrato tra i top di gamma sotto i 600 Euro! Che sorpresa!

Quando oramai sembra che gli smartphone del 2019 abbiano giá detto tutto, ecco l’outsider: ZTE Axon 10 Pro, un device sottovalutato da recensori e critica e che invece ha tanto da dire e che con un prezzo di listino di 599 Euro, dichiara guerra a Zenfone 6, Oneplus 7 “liscio” e gli altri top di gamma dal prezzo accessibile!

Scopriamolo insieme nella recensione completa!

Recensione ZTE Axon 10 Pro

TrovaPromozioni.it

Unboxing e Design

La confezione di ZTE Axon 10 Pro é super completa: al suo interno troviamo, oltre allo smartphone, una cover in silicone di buona fattura e che protegge la fotocamera, un paio di cuffie auricolari di tipo Earpods con Jack da 3,5mm, un adattatore Type C – Jack, le istruzioni, un caricabatterie Quick Charge 3 e un cavo USB – USB Type C 2.0.

Mettendo da parte la confezione e passando allo smartphone ci troviamo davanti a un device con una costruzione impeccabile: solido e ben equilibrato, con un peso non eccessivo (soli 177 grammi, considerando che monta una batteria da ben 4000 mAh) e dimensioni simili a quelle del Huawei P30 Pro (159.2 x 73.4 x 7.9 mm).

L’aspetto non é originalissimo e richiama tanto quello dei telefoni Huawei della serie P30, tuttavia va detto che nella colorazione Blu fa la sua bella figura anche se non passerá alla storia per originalitá.

Come dicevo, la costruzione é solidissima e precisa: il device é un lingottino di vetro con bordo in alluminio opaco che si fonde con le curvature dei due vetri anteriore e posteriore, ció vuol dire che la parte frontale monta un display leggermente curvato ai bordi che potrebbe fare storcere il naso a qualcuno.

Sulla parte superiore troviamo solo il secondo microfono per la riduzione dei rumori, a sinistra é completamente pulito, mentre a destra troviamo i due pulsanti accensione / spegnimento (caratterizzato da un piccolo puntino rosso al centro) e il bilanciere del volume. La “sostanza” é tutta sul bordo inferiore che ospita il carrellino per le due nano SIM (oppure una nano sim e una MicroSD fino a 1TB), il microfono, lo speaker principale e la Type C 3.1 con supporto all’uscita video! Questa é una bella sorpresa perché tutte le schede tecniche online riportano uscita Type C 2.0, tuttavia mi é bastato leggere il manuale in dotazione per avere la smentita: di USB 2.0 c’é solo il cavo di ricarica!

La parte frontale dello smartphone é molto equilibrata: i due bordi superiore e inferiore sono molto simili e il “mento” é tra i piú sottili (leggermente piú piccolo di quello del mio Mate 20 Pro). Troviamo poi un notch a goccia davvero piccino e una bella capsula auricolare che funge anche da secondo speaker. Non c’é traccia di un LED di notifica, peccato!

Sul posteriore invece dominano le cam con un triplo modulo suddiviso in due parti: nella parte superiore (e abbastanza sporgente) troviamo il modulo Tele da 8MP con Zoom Ottico 3X e il principale da 48MP. Appena sotto invece, a filo con la scocca, trova spazio il sensore grandangolare da 20MP e il flash LED.

back to menu ↑

Scheda Tecnica

Poco da dire, un top di gamma fatto e finito. Giudicate voi:

  • Display AMOLED da 6.47″ Full HD+ (2340 x 1080 pixel) con HDR10, rapporto 19.5:9 e densità di 398 PPI
  • Processore octa-core Qualcomm Snapdragon 855 + GPU Adreno 640
  • Sistema operativo Android 9.0 Pie con interfaccia Stock+
  • 6 GB di RAM LPDDR4X
  • 128 GB di storage UFS 2.1 espandibile via microSD
  • USB Type C 3.1 con supporto Video
  • Lettore d’impronte ottico nel display
  • Tripla fotocamera posteriore da 48MP f/1.7  Samsung GM1 + 20MP ultrawide 125° + 8MP f/2.4 tele con Zoom ottico 3X, autofocus PDAF, OIS e flash LED
  • Fotocamera frontale da 20 MP f/2.0 Samsung
  • Connettività LTE, Wi-Fi ac Dual Band, Bluetooth 5.0, NFC, GPS, Audio DTS:X Ultra, Hi-Fi
  • Dimensioni 159.2 x 73.4 x 7.9 mm
  • Peso: 177 g
  • Batteria da 4000 mAh con Quick Charge 4+ e Ricarica Wireless
  • Impermeabile IP68

Probabilmente si tratta di uno degli smartphone piú completi dell’anno per quanto riguarda la dotazione. Mancano solo il Jack da 3,5mm e il LED di notifica.

back to menu ↑

Display

Lo schermo è un ottimo Amoled con risoluzione FullHD+ da 6,47 pollici con HDR 10 e densitá di 398PPI, con una buona luminosità (anche se non sparatissima) e un’ottima calibrazione (personalizzabile via software). Ovviamente essendo Amoled ha ottimi contrasti e neri assoluti, la luminosità non è altissima e questo si nota sopratutto alla luce diretta del sole (anche se non è mai illeggibile). Ottima anche la definizione con suoi 398 PPI.

Buona anche la gestione della luminosità automatica, che soprattutto in condizioni di scarsa luce tende a non affaticare gli occhi con luminositá eccessiva. Non mancano anche la la modalità di lettura che si può attivare manualmente o in automatico per alcune app e trasforma il display dello ZTE Axon Pro in una sorta di ebook reader, eliminando i colori e con una calibrazione più calda delle tonalità bianche e la Luminositá notturna che filtrerá le dannose luci blu favorendo il riposto notturno.

Il touch non perde un colpo ed è molto sensibile, e utilizzando lo smartphone con la cover in dotazione non ho sofferto di tocchi involontari ai bordi curvi.

Sotto il display troviamo anche il sensore di impronte di tipo ottico. Probabilmente ZTE deve ottimizzarlo ancora un po’: la precisione non é delle migliori e quasi certamente preferirete lo sblocco con il volto, quello sí sempre rapidissimo.

back to menu ↑

Audio e Multimedialitá

E qui arriviamo a uno dei punti forti di Axon 10 Pro, il doppio speaker stereo e le ottimizzazioni DTS X Ultra permettono di ottenere una qualitá sonora davvero notevole, confrontandolo direttamente con il mio Mate 20 Pro, il top di gamma Huawei ne esce con le ossa rotte per volume e qualitá. Probabilmente il volume non é dei piú alti ma posso garantirvi il risultato é davvero notevole sia in chiamata (stereo) che per contenuti multimediali.

Ottimo anche l’ascolto in cuffia nonostante la mancanza del Jack audio e di un DAC dedicato (cosa che purtroppo ZTE non inserisce piú nei suoi device). La resa sonora peró é assolutamente di livello superiore, migliore di Xiaomi Mi 9, Mate 20 Pro e Oneplus 6T grazie alle ottimizzazioni software. Ascoltare la musica da questo smartphone é davvero un piacere.

Nelle impostazioni infatti é possibile adattare alle vostre orecchie gli effetti DTS X Ultra, creando un proprio profilo di ascolto personale. Per farlo occorrono pochi minuti e consiglio di farlo in una stanza silenziosa in modo da poter impostare tutto nel migliore dei modi. Inoltre troviamo un set di equalizzazioni adatte a centinaia di modelli di cuffie, e non manca la possibilitá di utilizzare un equalizzatore grafico per adattare il suono ai vostri gusti personali. Insomma fantastico!

 

Completano l’esperienza audio la presenza dei codec Apt-x, Apt-x HD ed LDAC che permetteranno di ascoltare in maniera soddisfacente anche la musica tramite bluetooth (con cuffie che supportano tali codec).

Manca la Radio FM (nei Top di gamma bisogna consumare il piano dati per ascoltarla, é cosí!).

Completissimo anche lato multimedialitá visiva, Axon 10 Pro ha il DRM Widevine di livello 1 (L1), quindi permette di fruire alla massima risoluzione dei servizi di straming piú diffusi come Netflix, Amazon Prime Video, ecc.. inoltre grazie al display HDR 10+ potrete godere al massimo dei contenuti compatibili con tale tecnologia.

back to menu ↑

Rete e connettivitá

ZTE Axon 10 Pro è un device Dual Sim Dual Standby con due slot Nano SIM con supporto alle reti LTE e carrier aggregation completa per il 4G Plus.

La ricezione è ottima e non ho notato nessun tipo di problema, si attesta su livelli molto buoni. Al momento i valori SAR sono sconosciuti e aggiorneró la recensione non appena ne sapró di piú.

Il Wifi supporta lo standard AC Dual Band, con ottime prestazioni, buona anche la copertura. Anche il passaggio da WiFi a rete dati è immediato.

Confermato anche il Bluetooth 5.0. Non mancano ovviamente il GPS A-GPS, Glonass e BDS, sempre veloce e preciso nel fix.

Chiude la panoramica la presenza del chip NFC, utilissimo oramai per i pagamenti contactless con Google Pay e che funziona sempre senza problemi.

Per quanto riguarda la ricarica troviamo la compatibilitá con il recente standard Qualcomm Quick Charge 4+ che non é il piú veloce sulla piazza. Peccato che in confezione arrivi un caricatore solo Quick Charge 3. Qui la concorrenza fa meglio.

Ottima la presenza della ricarica wireless con standard QI fino a 10W (anche qui qualcun altro si é spinto piú avanti).

Menzione merita la porta Type C 3.1 con uscita video,ottima sorpresa che potrá essere utile per chi vuole collegare lo smartphone alla TV!

back to menu ↑

Fotocamera

Come ogni top di gamma del 2019 che si rispetti, Axon 10 Pro arriva con il suo triplo modulo, caratterizzato dalla presenza di 3 sensori: il primo Samsung GM1 da 48 MP (ma che scatta a 12 tramite Pixel binning), apertura f/1.7 e con stabilizzazione ottica, il secondo grandangolare da ben 20 MP con fuoco fisso e apertura f/2.2 e il terzo  da 8 MP, apertura f/2.4 con zoom ottico 3x, anch’esso dotato di stabilizzazione ottica.

Si tratta di un triplo modulo buono ma non eccellente, molto versatile e che di giorno offre degli scatti davvero piacevoli. Il software ZTE é completo e immediato, con possibilità di scattare anche in manuale, in modalità ritratto (chiamata verticale), effetti di luce, slow motion, time lapse  e molto altro. Una cosa bella é che ad ogni accensione troveremo le impostazioni che abbiamo lasciato all’utilizzo precedente.

L’algoritmo, che si avvale anche dell’intelligenza artificiale attivabile nelle impostazioni, tende a restituire scatti con colori molto saturi e contrastati, non proprio naturalissimi ma sicuramente d’impatto e perfetti per i social network.

Come dicevo in precedenza le foto diurne sono davvero buone e ben dettagliate, forse un pelo troppo sature, ma davvero di buon livello considerato il sensore che abbiamo già visto su Redmi Note 7. L’algoritmo di ZTE lavora sicuramente meglio di quello Xiaomi e restituisce scatti davvero niente male. La versatilità di avere poi il sensore grandangolare (buono ma non a livello di quello principale) e quello con zoom “ottico” 3X rende questo device un ottimo compagno per immortalare ricordi.

I problemi nascono la sera dove i limiti del sensore vengono fuori tutti: il rumore aumenta e di dettagli calano e anche la modalità notturna di ZTE non è all’altezza di quella dei competitor. Tuttavia non è un disastro, siamo a livello del Redmi Note 7 o del Mi 9 SE.

Però, come già vi ho anticipato, Axon 10 Pro offre il supporto completo alla Google Cam mod (che potete trovare QUI), basta qualche piccola configurazione e addirittura potrete usare tutti e 3 i sensori, migliorando drasticamente le prestazioni fotografiche dello smartphone.

FOTO CAMERA STOCK:

FOTO GOOGLE CAM:

CONFRONTI:

La camera frontale invece monta un sensore da 20 MP Samsung con apertura F2.0, che permette di ottenere buoni selfie in condizioni di buona luminosità.

I video invece possono, per il momento, essere registrati fino a 4K ma solo a 30 fps, i 60 fps non sono disponibili nemmeno in risoluzione FHD, speriamo ZTE risolva presto questa mancanza. L’audio dei video è molto buono e la stabilizzazione ottica lavora bene, anche se non è certamente tra i migliori in questo ambito.

back to menu ↑

Software e prestazioni

Questa è un’altra bella sorpresa! ZTE Axon 10 pro ha abbandonato le invasive personalizzazioni cinesi piene di porcherie per avvicinarsi alla filosofia stock con la personalizzazione denominata Stock+ basata su Android 9 Pie. Il mio giudizio su questa personalizzazione è davvero positivo! Sin dal primo momento ho apprezzato la totale assenza di personalizzazioni invasive sia nel SO che tra le app, le uniche due app preinstallate (una app meteo e un cleaner) possono essere disinstallate al volo dato che non sono app di sistema, mentre le altre app sono di backup, configurazione dell’audio DTS:X Ultra e qualche feature aggiuntiva di configurazione (gestures, tasti di navigazione, doppio tap per accendere il display, registratore schermo, modalità notte, modalità lettura, regolazione della temperatura del bianco del display, modalità tasca ecc…).

Le prestazioni sono davvero eccellenti anche a causa delle velocissime memorie USF 2.1 che, grazie al file system F2FS, risultano decisamente più preformanti rispetto al formato ext4 utilizzato dalla concorrenza. Lo smartphone non ha mai impuntamenti e rallentamenti, ha una fluidità pazzesca e non scalda mai.

Perfetto anche il gaming anche grazie alla presenza della modalità dedicata che permette di spingere al massimo l’hardware, silenziare notifiche e disturbi vari.

Nessuna critica anche sul multitasking che sfrutta al massimo i 6GB di RAM e rende le applicazioni disponibili anche dopo ore.

Ovviamente non si tratta di un software perfetto, qualche bug c’è e quelli più noiosi riscontrati sono legati al non funzionamento della keyword “Ok Google” a schermo spento e degli eccessivi wakelock della scansione wifi (anche se disabilitata) che impattano negativamente sulla…

back to menu ↑

Batteria

…batteria! Eh si, nonostante i 4000 mAh sulla carta dovrebbero garantire quasi due giorni di utilizzo, nel mio periodo di test non sono mai riuscito ad arrivare al secondo giorno proprio a causa di tali wakelock che fanno scaricare abbastanza velocemente la batteria anche in standby. Dopo un po’ di analisi e test posso confermare che si tratta di un bug legato alla scansione del wifi che resta attivo anche quando disabilitato e che in pratica non permette mai il deep sleep corretto.

I risultati quindi, AL MOMENTO, sono buoni ma non eccezionali. La giornata stress si copre senza problemi e in quelle più rilassate si arriva a sera con un 30/35% e circa 4:30/5 ore di display attivo. Non appena risolto il bug sono certo che sarà anche un battery phone di ottimo livello.

back to menu ↑

Conclusioni

ZTE Axon 10 Pro ha tutto quello che si chiede a un top di gamma del 2019: impermeabilitá IP68, ricarica wireless, speaker stereo, memoria espandibile, Display Amoled con HDR 10 e una buona tripla cam con grandangolo e zoom ottico! Con la sua interfaccia stock, il supporto completo alla Gcam Mod e la quasi totale assenza di app preinstallate é davvero la sorpresa del 2019!

C’è ancora qualche ottimizzazione da fare e qualche bug da risolvere, ma non c’è dubbio che se ZTE saprá supportarlo a dovere (soprattutto la gestione energetica), e se il prezzo calerà intorno ai 500€, sará forse il device top di gamma con il miglior rapporto qualità prezzo!

back to menu ↑

Dove Acquistare

Dall’Italia

ZTE Axon 10 Pro

2 used from 401,99€
Last update was on: 9 Ottobre 2019 8:52
disponibile
479,00

Vuoi saperne di più? Parlane con noi!

Iscriviti al gruppo Telegram!

Iscriviti al Canale e non perdere nemmeno un’offerta

 

9 Total Score
Completissimo ed equilibrato: il vero Flagship Killer

ZTE Axon 10 Pro ha tutto quello che si chiede a un top di gamma: impermeabilitá IP68, ricarica wireless, speaker stereo, memoria espandibile, Display Amoled con HDR 10 e una buona tripla cam con grandangolo e zoom ottico! Con la sua interfaccia stock, il supporto completo alla Gcam Mod e la quasi totale assenza di app preinstallate é davvero la sorpresa del 2019! Se ZTE saprá supportarlo a dovere e ottimizzerá la gestione energetica, sará il device piú completo sotto i 600 Euro!

Design
8
Scheda tecnica e dotazione
9.5
Display
8.5
Audio
9.5
Connettivitá
9
Fotocamera
8.5
Batteria
8
PROS
  • Dotazione completa di tutto: dalla ricarica wireless alla memoria espandibile, dall'impermeabilitá agli speaker stereo
  • Esperienza Android senza bloatware
  • Fluido e scattante
  • Supporto Gcam multi-sensore
  • Always on Display ben fatto
CONS
  • Sensore di impronte non proprio precisissimo
  • Sw da ottimizzare per i consumi energetici
  • Incognita aggiornamenti
  • Manca il Jack da 3,5mm
  • Manca il LED di notifica

Mi chiamo Francesco ma sul web sono presente da sempre con lo stupido nickname "carburano" (acronimo di Carmine Burano). Nella vita virtuale sono un geek appassionato di modding Android (in passato ho realizzato ROM, Kernel e altre cosine del genere) e dell'ecosistema Xiaomi, nella vita reale invece mi occupo di affiliate marketing, email marketing, e-learning, di SEO e sono una persona che crede ancora nell'ideologia e nel rock'n'roll!

TrovaPromozioni

Send this to a friend